ACCEDI ALL’UNIVERSITÀ DEL DIGITALE – 50% DI SCONTO FINO A DOMENICA 

Tassazione Criptovalute | Fiscalità Criptovalute e Bitcoin

tassazione criptovalute

L’argomento della tassazione criptovalute, fiscalità criptovalute e più nello specifico tassazione Bitcoin e fiscalità Bitcoin è stato discusso da economisti, banchieri, legislatori, esperti del web e di business online in quanto crea interesse andare a capire esattamente come i cryptocurrency exchange, ossia gli operatori economici che prestano servizi in valute virtuali, possano muoversi ed operare in tal senso.

Nello specifico, la particolare attenzione prestata deriva dal fatto che non esiste ancora una norma o legge che va a regolamentare, dal punto di vista fiscale, i guadagni generati da queste monete virtuali.

Proviamo, in ogni caso, ad addentrarci in questa materia cercando di essere chiari e con l’intento di creare un piccolo strumento per aiutare chi volesse iniziare a prendere confidenza con questo nuovo modo di fare economia e business nello stesso tempo.

Tassazione Criptovalute Agenzia delle Entrate

La posizione dell’Agenzia delle Entrate qual è stata?

Secondo il mio parere ha assunto una posizione molto pratica in quanto rivolta a indicare essenzialmente le modalità di calcolo delle imposte e delle tasse da applicare alle valute virtuali.

Iniziano a fare un pò di paura? Non mi pronuncio in merito ma cercherò di esporre in maniera semplice la regolamentazione pratica che disciplina la materia fiscale dopo aver brevemente descritto il meccanismo che fa muovere le criptovalute.

Le criptovalute sono strumenti che danno la possibilità di effettuare pagamenti attraverso la rete internet utilizzando una tecnologia particolare all’interno della quale ad una rete locale sono collegati computer senza necessità di un server. Questa nuova tecnologia prende il nome di “blockchain” (catena di blocchi).

Le criptovalute, essendo quindi basate su strumenti di pagamento che hanno alla base tecnologie avanzate non hanno ancora trovato un completo e dettagliato inquadramento fiscale ma il fenomeno sta crescendo in maniera esponenziale con conseguente aumento di valore di tali monete virtuali.

Le peculiarità di queste monete virtuali hanno creato un pò di “confusione e scompiglio” tra le istituzioni in quanto il loro mercato risulta essere completamente diverso rispetto a quello tradizionale delle valute in corso legale.

Tassazione Criptovalute e Fiscalità Criptovalute – Informazioni Importanti

Sappiamo perfettamente che, nel mondo finanziario tradizionalmente inteso, oggetto di tassazione risulta essere l’eventuale plusvalenza generata dalla cessione dello strumento (in questo caso monete virtuali) ad un prezzo maggiore rispetto a quello pagato. Ad oggi non esiste una disciplina normativa che vada a regolamentare le plusvalenze delle criptovalute ma il fenomeno sta crescendo sempre di più e si sta cercando un approccio giuridico più innovativo e perché no, anche un pò futuristico a causa delle materia trattata.

L’Amministrazione finanziaria italiana, nonostante quanto sopra detto, paragona le criptovalute alle valute in corso legale. Praticamente, per l’Agenzia delle Entrate, le monete virtuali devono seguire la disciplina fiscale delle valute in corso legale (c.d. “valute fiat”).

In particolare, gli operatori che si muovono all’interno di questo settore per quanto riguarda la tassazione criptovalute e fiscalità criptovalute sarebbero soggetti solo ad IRES (Imposta sul Reddito delle società) e IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) senza alcun obbligo come sostituto d’imposta. Gli stessi operatori non sono assoggettati neanche all’applicazione dell’ IVA in quanto esclusi dall’. 10, primo comma, n. 3), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 che elenca tre le operazioni esenti da imposta “le operazioni relative a valute estere aventi corso legale e a crediti in valute estere, eccettuati biglietti e le monete da collezione e comprese le operazioni di copertura dei rischi di cambio”

Tassazione Criptovalute Operatori: Posizione Fiscale IRES e IRAP

Da ciò ne consegue che la posizione fiscale rilevante per gli operatori che prestano servizi in questo specifico campo riguarda solo IRES e IRAP. In particolare, non essendo presente alcuna formula speculativa si è esenti anche dagli adempimenti per sostituto d’imposta.

Nello specifico, l’equiparazione tra monete virtuali e monete in corso legale è stata introdotta dalla Risoluzione n.72/E del 02 settembre 2016 a seguito di un quesito proposto da una S.p.A. che operava nell’ambito dei servizi nelle valute virtuali.

La Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate citata si affianca alla pronuncia giurisprudenziale sull’ IVA che proviene dalla Corte di Giustizia Europea (sentenza 22 ottobre 2015). Tale sentenza cosi dichiara “le operazioni di cambio tra valute in corso legale e valute virtuali sono da considerarsi a titolo oneroso quando generano un margine di intermediazione tra la differenza del potere di acquisto delle monete e quello praticato dagli operatori nei confronti dei propri clienti”.

Seguendo questo scenario giuridico, l’Agenzia delle Entrate ha spiegato che l’attività di cambio tra valute virtuali e valute in corso legale, svolta in modo specialistica ed ordinaria, costituisce un’attività fiscalmente rilevante ai fini IRES e IRAP ma non ai fini IVA.

Infatti, le commissioni percepite da un operatore, pari alla differenza tra l’importo corrisposto da un cliente che intende compravendere valute virtuali e la migliore quotazione reperita dalla società sul mercato, non sono soggetti ad IVA come sopra indicato.

In poche parole l’Agenzia delle Entrate non si addentra a definire l’essenza della tassazione criptovalute ma semplicemente definisce le valute virtuali. Le valute virtuali sono viste come uno strumento di pagamento che alla base ha l’approvazione da parte di chi opera nel mercato. Praticamente si riconosce il valore di scambio indipendentemente da un obbligo di legge e senza l’intervento di terzi.

In ogni caso, l’Amministrazione Finanziaria, si è conservata la possibilità di poter eseguire controlli con verifiche delle liste della clientela, soprattutto se c’è una richiesta da parte dall’Autorità Giudiziaria.

Tassazione Criptovalute Rischi sugli Investitori

Ma eventuali rischi sugli investitori?

In questo articolo, proprio per non uscire fuori tema dall’argomento tassazione criptovalute e fiscalità criptovalute, mi preme segnalare solamente che le transazioni che si generano dalle operazione con le criptovalute lasciano una traccia che sarà sempre evidente attraverso codici alfanumerici. Certamente la materia è un fenomeno rivoluzionario e bisogna prendere confidenza ma esattamente come si è già fatto in passato con qualsiasi altra scoperta che adesso rientra nella normalità.

Possiamo citare l’ultimo intervento normativo e cioè il d.lgs 90/2017 che rappresenta un piccolo passo in avanti in quanto introduce il concetto di valute virtuali con conseguente diffusione dei servizi prestati dagli operatori in tal senso (art. 1 D.lgs 231/2017 lett. qq).

In particolare però questo intervento normativo anche se fa un piccolo passo in avanti, introducendo e cercando di disciplinare la materia, va poi a non condividere l’equiparazione tra valute virtuale e valute in corso legale a cui fa riferimento l’ Agenzia delle Entrate. Tale norma, infatti, specifica che le criptovalute si distinguono dalle valute tradizionali a causa del mancato controllo delle Autorità ed a causa dell’andamento oscillante del loro valore.

Occorre specificare, inoltre, che tali monete hanno generato un cospicuo patrimonio nelle mani degli investitori ma ciò non impedisce un controllo dello stesso che viene portato avanti attraverso il cambio con le valute virtuali e attraverso i vari meccanismi di identificazione come per esempio i portafogli virtuali.

Concludo con la speranza che si prenda spunto dagli altri paesi dove sono già presenti tavoli di confronto con gli esperti al fine di regolamentare in maniera specifica tutta la materia.

Se hai bisogno di una consulenza personalizzata per comprendere meglio l’argomento relativo alla tassazione criptovalute e fiscalità criptovalute, inserisci i tuoi dati nel form qui in basso e ti metterò in contatto con l’avvocato Vanessa Di Lorenzo coautrice dell’articolo in questione:

Mirko Delfino

Mirko Delfino

Imprenditore digitale, viaggiatore professionista, lifestyle designer. Aiuto persone ed aziende a sviluppare business ed idee attraverso il mondo dell'online marketing.

Lascia un commento

Post Recenti

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER

Per ricevere metodi, trick, strategie e contenuti video dedicati al mondo dell’online marketing.

Chiudi il menu

Join The Club!

COME SONO DIVENTATO UN IMPRENDITORE DIGITALE
DI SUCCESSO PARTENDO DA ZERO, IN SOLI DUE ANNI

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere metodi, strategie e trick che permetteranno al tuo business di mettere il turbo.